Babylon Radio Celebrating Cultures, Promoting Integration

Imposta sulle plusvalenze

Il Capital Gains Tax (CGT) è una imposta sul profitto proveniente dalla cessione di un qualsiasi bene. È pagabile dalla persona che ha ceduto. La differenza tra il prezzo pagato per il bene e il prezzo a cui si è venduto è considerato reddito imponibile.

Riguarda anche i beni immateriali, per esempio: azioni di una società o qualcosa su cui avete un interesse, come il prestito di un terreno.

Come vengono ceduti i beni?

La cessione di un bene non è solo la vendita di un bene per denaro. Include qualsiasi trasferimento di proprietà a titolo di scambio, di dono o di regolamento tra i fiduciari. I trasferimenti di beni tra coniugi sono esenti da plusvalenze. I trasferimenti di beni tra coniugi separati sono esenti da CGT se sono resi nell’ambito di un accordo di separazione o ordine di un tribunale. Il trasferimento di un sito da genitore a figlio ai fini della costruzione della principale residenza privata del figlio, dove il valore di mercato non superi 500000 €, è esente da CGT. (Tale esenzione si applica alle cessioni effettuate a decorrere dal 5 dicembre 2007. Il limite di esenzione prima di questa data è stato pari a € 254.000.)

Non vi è alcuna CGT sui beni trasferiti alla morte.

Plusvalenze esenti da CGT

Gli utili derivati dalla cessione di alcuni beni sono esenti da CGT:

  • Guadagni derivati dalla cessione di beni di vostra proprietà (casa o appartamento) che sono stati occupati da te o da un parente a carico come unica o principale residenza. Ci possono essere restrizioni in casi in cui la proprietà non è stata pienamente occupata come residenza principale per tutto il periodo di proprietà o in cui il prezzo di vendita riflette lo sviluppo valore.
  • Gli utili derivanti da scommesse, lotterie, concorsi, premi da versare nel quadro del National Instalments Savings Scheme e Prize Bond vincite.
  • Gli utili derivanti da prestiti statali e obbligazioni emessi da alcuni organi dello semi-statali
  • Gli utili derivanti da beni mobili, ad esempio, gli animali e automobili.
  • Profitti da assicurazioni sulla vita (a meno che non acquistati da un’altra persona o prese con alcuni assicuratori stranieri il o dopo il 20 maggio 1993)
  • Guadagni effettuati da persone fisiche su beni mobili materiali fino a un certo valore.
Tasso e pagamento CGT

L’anno fiscale in Irlanda normalmente va da gennaio a dicembre. I fini del CGT tuttavia, l’anno fiscale è diviso in due periodi:

  • Periodo iniziale – dal 1° gennaio al 30 settembre
  • Periodo successivo – dal 1° ottobre al 31 dicembre.

L’imposta sugli utili derivanti nel periodo iniziale devono essere pagati il, o prima del 31 ottobre dello stesso anno per cui l’imposta è dovuta. L’imposta sugli utili derivanti nel periodo successivo è dovuta al più tardi il 31 gennaio successivo alla fine dell’anno per cui l’imposta è dovuta o prima del 31 ottobre dell’anno successivo all’anno fiscale in cui avete ceduto un bene.

Ad esempio, se si dispone di un bene tra il 1° gennaio e il 30 settembre 2007 sarà necessario pagare il CGT entro il 31 ottobre 2007. Se si dispone di un bene nel periodo successivo, cioè, tra il 1° ottobre 2007 e il 31 dicembre 2007 sarà necessario pagare prima del 31 gennaio 2008.

Se vi valutare voi stessi ai fini fiscali (auto-valutazione) troverete una busta paga Pay and File allegata alla dichiarazione dei redditi. Se non fate l’auto-valutazione (ad esempio, PAYE), è necessario inviare una busta paga CGT con il pagamento.

Una busta paga CGT a parte è richiesta per tutti gli utili ricevuti nel periodo successivo.

L’aliquota normale di CGT è del 20%. Un tasso del 40% tuttavia, si possono applicare a beni provenienti da assicurazioni sulla vita straniere e fondi off-shore. Il Revenue fornisce u foglio di calcolo per situazioni semplici, per aiutarti a scoprire quanto si potrebbe dover pagare di CGT.

CGT può essere più complesso degli esempi di cui sopra. Per questo motivo si consiglia di ottenere il parere del Revenue che pubblica anche una Guida al CGT.

Come presentare una dichiarazione del CGT

CGT è un’auto-valutazione fiscale. È necessario presentare la dichiarazione entro il 31 ottobre dell’anno successivo l’anno fiscale in cui si è ottenuto il bene. Ad esempio, le plusvalenze derivanti dalla vendita di un bene nel 2006 dovrebbero essere restituiti al fisco entro il 31 ottobre 2007. Sebbene si possa voler presentare la dichiarazione l’anno successivo, è necessario pagare il CGT nel corso dello stesso anno della cessione del bene (si veda ‘Tasso e pagamento CGT’ sopra).

Le plusvalenze sono di norma riportate sulla vostra dichiarazione dei redditi. Se siete un contribuente PAYE dovreste fare una dichiarazione su un modulo 12. Se fate un’auto-valutazione si dovreste presentare il modulo 11.

Fondi Fiduciari e Patrimoni dovrebbero presentare il modulo 1. Se non siete tenuti a fare una dichiarazione dei redditi (compresi i non residenti), è necessario dichiarare il CGT con il modulo CG1.