Babylon Radio Celebrating Cultures, Promoting Integration

Value Added Tax – IVA

Legislazione

Le principali leggi irlandesi che disciplinano l’imposta sul valore aggiunto sono le seguenti:

  • Value Added Tax Act, 1972 (Legge principale)
  • Value Added Tax (Amendment) Act, 1978
  • Value Added Tax Regulations

Mentre vi è una certa giurisprudenza irlandese in materia di VAT (l’equivalente dell’IVA italiana), comprese le decisioni da parte dei Appeal Commissioners, le sentenze della Corte di Giustizia Europea (CGE) hanno la precedenza e sono vincolanti per tutti gli Stati membri dell’UE.

Direttive dell’Unione Europea

Il Consiglio della UE pubblica delle direttive sull’IVA per gli Stati membri e gli Stati membri devono modificare la loro legislazione di conseguenza. Il diritto comunitario prevale in caso di incoerenza. I più importanti direttive sono il sesto, settimo e ottavo direttiva IVA, e la seconda direttiva di semplificazione.

Come viene addebitata l’IVA?

L’imposta sul valore aggiunto colpisce solo l’incremento di valore che un bene o un servizio acquista ad ogni passaggio economico (valore aggiunto), a partire dalla produzione fino ad arrivare al consumo del bene o del servizio stesso. Attraverso un sistema di detrazione e addebito, l’imposta grava completamente sul consumatore finale mentre per il contribuente rimane neutrale. Infatti il soggetto passivo d’imposta, che è colui che cede beni o servizi, può detrarre l’imposta pagata sugli acquisti di beni e servizi effettuati nell’esercizio d’impresa, arte o professione, dall’imposta addebitata (a titolo di rivalsa) agli acquirenti dei beni o committenti dei servizi prestati.

I contribuenti (persone o imprese in attività) devono essere registrati presso il Revenue Commissioners ai fini VAT in cui l’importo del loro fatturato annuo (vale a dire l’importo delle entrate VAT esclusa) dal soggetto passivo forniture di beni e servizi è superiore o rischia di superare certi limiti.

Agricoltori, pescatori e commercianti il cui fatturato è al di sotto di tali limiti non sono generalmente obbligati a registrarsi ai fini VAT, ma possono farlo se lo desiderano.

Quali sono le attuali aliquote IVA?

Esenti 

I dettagli sono illustrati nel First Schedule della legge principale. Coloro che esercitano attività esenti non possono, con alcune limitate eccezioni, avere numero di partita IVA.

Zero 

Dettagli dei beni e dei servizi imponibili a questa aliquota, sono definiti nel Second Schedule della legge principale.

4,8% 

Tale aliquota si applica al bestiame vivo che comprende bovini, ovini, suini, capre, cervi, cavalli e levrieri.

10%

Dettagli dei beni e dei servizi imponibili a questa aliquota sono definiti nel Third Schedule della legge principale.

13,5% 

Dettagli dei beni e dei servizi imponibili a questa aliquota sono definiti nel Sixth e Eight Schedule della legge principale.

21% 

Tutti i beni e servizi che non rientrano nelle categorie di cui sopra sono soggetti a IVA a questo tasso.

Quando l’IVA non è detraibile?

Nessuna deduzione è ammessa in materia di imposte pagate per la spesa per il seguente:
La fornitura di prodotti alimentari, bevande, alloggio o altri servizi personali forniti per il contribuente, il suo agente, o i suoi dipendenti.
Spese d’intrattenimento sostenute dal soggetto passivo, il suo agente o un suo dipendente.
acquisti, affitto o leasing di veicoli a motore diversi da quelli in commercio o ai fini di una attività che consiste, in tutto o in parte nel noleggio di veicoli a motore o per l’uso in una attività di scuola guida.
L’acquisto della benzina invece di altri beni in commercio.
le spese sostenute per cibo, bevande, alloggio o altri servizi di intrattenimento come parte di un servizio pubblicitario non sono detraibili nelle mani della persona che fornisce il servizio pubblicitario
l’eventuale IVA sostenute da un soggetto passivo in una transazione in cui il margine d’asta o regimi applicabili.

Legge Finanziaria 2006 – soglie di registrazione IVA

Le soglie per le piccole imprese sono state aumentati da € 25.500 a € 27.500 in caso di servizi e da € 51.000 a € 55.000 in caso di merci – in vigore dal 1 ° maggio 2006.